Copyright © TUTTUU ADV | P. IVA 07899191212
 

Crea la tua App gratis in 10 minuti!

Crea la tua App gratis in 10 minuti!

 

Se pensi di avere bisogno di una App (anche se sono quasi sicuro che non ti servirà a niente), puoi finalmente fartela da solo, gratis e in pochi minuti!

On line ci sono diversi servizi che permettono di creare in autonomia le cosiddette App Native, quelle che di solito scarichi dai vari store on line. Realizzare un’app nativa è l’unico modo con cui potrai mandare messaggi a chi l’ha scaricata.
Creare un’app nativa è sì gratis, ma va detto che ogni mese dovrai pagare circa 40€ per tenerla attiva sui vari store che la distribuiscono.

Ma più d’ogni mia parola è fondamentale che tu possa sperimentare quello di cui ti sto parlando. Quindi, bando alle ciance, chiarisciti le idee su cosa vorresti dalla tua app e poi inizia a provare questi servizi che ho trovato per te!

 

Gamesalad, per giocare con le app!

Ogni volta che prendi la metro, o che sei in fila da qualche parte, te ne accorgi: chi è intorno a te, o tu stesso, giocate o chiattate con lo smartphone. Creare dei giochi a tema, legati ai prodotti o al brand è una delle recenti acquisizioni nell’arsenale del digital marketing. Prova gratuitamente questo servizio e se ti piace,  a soli 299$ all’anno potrai avere il tuo personal Candy Crush, dove al posto delle caramelle potrai metterci, salsicce, scarpe o picchetti da tenda… Funziona per iOS e Android.

Vai al sito: http://gamesalad.com

 


 

AppsBuilder, dall’Italia con stile.

Nome inglese, sito solo in inglese, ma l’azienda sta dietro AppBuilder è italiana al 100%. La scelta di rivolgersi inizialmente al mercato anglofono, visto che si parla di app, è sicuramente vincente, soprattutto se si guardano i numeri: AppBuilder ha dato vita, fino ad oggi, a più di 500.000 app! Numeri davvero importanti, che però non hanno ancora spinto la Paperlit a tradurre il sito anche in italiano. Quindi se non sei ferrato nell’idioma d’Oltremanica, vai oltre!

L’editor, totalmente visuale, come in tutti gli altri app builder che trovi in giro, non richiede alcuna competenza di programmazione. Tutte le funzioni che ti servono sono suddivise in moduli. Dall’e-commerce alla gestione di foto, video, immagini, prenotazioni, connessioni ai social, avrai tutto quello che ti aspetteresti di trovare in una classica app commerciale come quella di un ristorante… Ma, a proposito, quante app di ristoranti hai sul tuo telefono?…

Completa la suite dei servizi di AppBuilder, anche una sezione ricca di contenuti davvero utili: e-book, case studies e tutto quello che potrebbe servirti per avventurarti in questo nuovo territorio digitale! Per una App nativa con notifiche push, partiamo da un canone di 49 euro/mese. Ma se si paga in un’unica soluzione, tutto l’anno, allora arriva a 39 euro/mese.

Vai al sito: http://www.apps-builder.com/

 


 

Appy Pie, l’offerta gratis più completa che c’è!

Dall’India con furore! La strategia marketing di quest’azienda del continente asiatico è molto convincente, soprattutto per chi vuole iniziare a capire come funziona il mondo degli app builder! Certo, per trasformare l’app in una nativa, qualcosa c’è da pagare e i prezzi sono assolutamente in linea con quelli dei competitor del resto del mondo.

Ma la vera potenza di Appy Pie è nella quantità di funzioni che mette a disposizione che sono davvero tantissime, se paragonate a quelle offerte dalla concorrenza. È possibile completare l’acquisto all’interno della app, caricare e-book, connettersi al tuo database e se da sempre il tuo sogno è di fare concorrenza a Tinder, Badoo o Meetic, puoi anche creare un’app per gli incontri! In ogni caso è un sistema davvero molto facile da utilizzare e c’è anche il sito in italiano!

Vai al sito: http://it.appypie.com/

 


 

Altri app builder che ti consiglio di visitare, se questi primi tre non ti hanno soddisfatto sono:

 

Prima di lanciarti, però, devo dirti un paio di cosette… Importanti!
Ricorda di applicare il vero principio fondante sul quale poggia ogni nuovo progetto, ovvero, la regola dello specchio: rifletti! E per farlo inizia a rispondere a questa prima domanda: In che modo cambierebbe la vita di una persona grazie alla tua app? Cosa sei in grado di aggiungere alla sua esistenza, oltre un po’ di mb su un telefonino? Se dopo queste domande il progetto ne uscirà vivo, passiamo alla prossima: Come diffonderai nel mondo questa nuova fantastica applicazione? Hai un piano? Una strategia? Bene, se c’è ancora un po’ di battito cardiaco andiamo all’ultima cosa: I sistemi operativi dei telefonini si aggiornano continuamente, lo sai che dovrai aggiornare la tua app anche tu?

Non voglio scoraggiarti, ma solo farti rendere conto che non è tutto oro quello che è digital. C’è bisogno di idee chiare e tanto lavoro. In ogni caso, se vuoi, possiamo parlarne. Chissà che la tua app non sia il nuovo Facebook del mondo mobile!